Proposta di carta della qualità in medicina interna

Al fine di rendere attuabili i 14 diritti della Carta europea dei diritti del malato1 questo
reparto si impegna a rispettare questi principi

Accoglienza
Tutti i cittadini quando entrano nel reparto, devono essere accolti, trattati con
gentilezza ed affabilità, messi in condizione di affrontare con la maggiore serenità
possibile la degenza.


1.    Tutto il personale della struttura sanitaria, al di là del ruolo, si fa carico dei
bisogni del paziente ricoverato e si impegna ad aiutare lui e i suoi cari.


2.    Il paziente e i visitatori si impegnano a rispettare gli operatori e a utilizzare
correttamente la struttura.


3.    All’accettazione il personale sanitario accoglie il paziente, gli consegna un
opuscolo informativo e, ove presente, la Carta dei servizi, gli fornisce le informazioni
sul funzionamento del reparto e lo accompagna nella stanza dove sarà ricoverato.


4.    L’operatore che accoglie il paziente gli mostra la stanza di degenza, fornendo le
istruzioni necessarie per utilizzare il letto, gli arredi, il bagno, le luci, il sistema di
chiamata dell’infermiere e, se sono presenti, altri oggetti di comfort come telefono e
televisore.


5.    Se il paziente non è stato ricoverato in urgenza, la prima visita del medico viene
effettuata al massimo entro 3 ore.


6.    I visitatori che accedono devono rispettare gli orari di visita previsti e adottare un
comportamento che garantisca la privacy e la tranquillità degli altri pazienti
ricoverati, così come le esigenze organizzative del reparto. Qualora il paziente
esprima particolari e specifiche esigenze, l’orario può essere modificato in modo
adeguato.


7.    La presenza di familiari e assistenti alla persona, anche in orario notturno, è
concordata con il caposala. Il personale del reparto non può fornire elenchi o
nominativi di assistenti alla persona.


8.    È possibile per il paziente scegliere tra diversi menù, tenendo conto delle
esigenze alimentari legate allo stato di salute o alla propria religione.


____________________________________________________________________
1 Riconosciuta dal Comitato Economico e Sociale con Parere sui diritti dei pazienti SOC/221, Bruxelles
26/09/2007


 

9.    La segnaletica per l’individuazione dei percorsi è chiaramente visibile, facile da
capire e scritta in diverse lingue, al fine di orientare al meglio il paziente che accede
nel reparto.


10.  La sala d’attesa è uno spazio confortevole che consente la sosta al paziente e ai
visitatori e, pertanto, deve rispettare adeguati standard igienici: è necessario
affiggere nei luoghi di attesa le tabelle di registrazione dei turni di pulizia per
renderle disponibili ai cittadini.


11.  È a disposizione di ogni paziente una bacheca informativa, o un luogo dedicato e
sempre accessibile, in cui si possono trovare notizie utili per fruire di tutti i servizi e
far fronte a determinate esigenze (ad esempio: elenco dei medici e operatori del
reparto; orari di visita e dei pasti; numeri di telefono di servizi interni alla struttura
sanitaria, come servizio sociale, servizio di sicurezza, servizio religioso, urp; indirizzi
di associazioni di volontariato e cooperative di assistenza alla persona presenti sul
territorio; opuscoli informativi).


Informazioni
Tutti i cittadini devono essere adeguatamente informati, al fine di instaurare un
corretto rapporto medico/infermiere-paziente ed essere coinvolti nel percorso di
cura.


12.  Tutto il personale del reparto si impegna a comunicare con il paziente in modo
cortese, chiaro e comprensibile.


13.  Tutto il personale ascolta le esigenze che i pazienti riferiscono durante la degenza
e si attiva per quanto possibile a soddisfarle, nonché a personalizzare la cura nei
limiti imposti dalla patologia presentata.


14.  Durante la degenza il paziente può consultare la propria cartella clinica,
facendone richiesta al medico responsabile.


15. Il medico e l’infermiere, durante il primo colloquio con il paziente, avranno cura
di informarsi su:


a. eventuali allergie a farmaci, alimenti o altro
b. principali abitudini e stili di vita, oltre che comportamenti alimentari
c. assunzione di precedenti terapie ed eventuali altre abitudini terapeutiche
e farmacologiche.


16.  Il medico informa il paziente circa gli esami strumentali da eseguire e l’eventuale
possibilità di effettuare alcuni di essi in maniera indolore illustrando i vantaggi e gli
eventuali rischi connessi.


17.  L’infermiere informa il paziente sul comportamento da adottare prima, durante e
dopo un esame strumentale o una visita specialistica.


18.  Prima di ogni eventuale prestazione invasiva il paziente è informato sul tipo di
prestazione proposta, sulle modalità di esecuzione della stessa, sulle eventuali
alternative terapeutiche, sulle possibili complicazioni e rischi, sul decorso
prevedibile e sulla gestione del dolore.


2
Consenso informato
Tutti i cittadini devono essere coinvolti nelle decisioni mediche che li riguardano
ed essere considerati parte attiva del loro percorso di cura.


19. La procedura di consenso garantisce informazioni dettagliate su diagnosi,
tecniche, natura e scopo della prestazione proposta, alternative diagnostiche e di
cura, complicanze possibili, prognosi statisticamente attesa anche in caso di un suo
eventuale rifiuto.


20. Il paziente può in ogni momento richiedere eventuali chiarimenti e consultare,
se lo desidera, i familiari.


21. Il consenso sottoscritto indica il giorno, l’ora, le modalità, i tempi e le tecniche
del trattamento proposto. E’ firmato congiuntamente dal medico e dal paziente. Può
essere firmato anche da un soggetto terzo, indicato dal paziente, a garanzia della
piena comprensione di quanto comunicato.


22. E’ prevista la possibilità di revocare il consenso, in ogni momento, prima di
sottoporsi al trattamento.


23. In caso di manifesta incapacità di intendere o stato di incoscienza del paziente, il
medico, secondo i principi di scienza e coscienza, informa i familiari stretti del
malato circa le procedure diagnostico-terapeutiche utili da attivare.


Organizzazione
Tutti i cittadini devono trovare un reparto ben organizzato affinché sia garantita la
migliore qualità delle cure possibile


24. Almeno due volte l’anno medici, infermieri, personale sanitario e non sanitario
del reparto, partecipano ad una riunione sul coordinamento delle attività per
migliorare il rapporto con il paziente e la qualità delle cure.


25. Durante la visita medica e ogni altra pratica assistenziale gli operatori sanitari
garantiscono la riservatezza e adottano tutti gli accorgimenti per favorirla.


26. Durante la degenza ogni paziente ha un medico di riferimento che lo ascolta, lo
informa e lo accompagna, insieme agli infermieri, nel suo percorso di cura. Il
paziente ha anche a disposizione un operatore sanitario di riferimento a cui rivolgersi
in caso di richiesta di informazioni, segnalazioni o denuncia del mancato rispetto di
quanto enunciato nella presente Carta della qualità.


27. Il paziente che ha necessità di svolgere prestazioni fuori reparto, viene
accompagnato e ricondotto nella sua stanza di degenza. In caso di trasferimento il
personale informa i familiari e indica dove si trova.


28. Gli operatori sanitari, mediante l’utilizzo di scale di valutazione, misurano e
registrano nella cartella clinica l’eventuale presenza di dolore.


29. Sono in atto protocolli e procedure per la prevenzione e la gestione dei rischi
clinici.


3
Sicurezza e igiene
Tutti i cittadini devono essere protetti da eventuali rischi causati dal cattivo
funzionamento delle strutture e dei servizi.


30. Vengono adottate tutte le misure per garantire la prevenzione delle cadute
accidentali: il personale segnala con apposito cartello se il pavimento è bagnato,
nelle stanze di degenza e su tutti i percorsi esiste una luce notturna di orientamento.


31.  Sono in atto misure per prevenire l’insorgenza di infezioni ospedaliere: protocolli
e procedure per la prevenzione e periodici monitoraggi ne verificano il rispetto. Il
personale sanitario mantiene una corretta igiene, indossa divise e camici puliti, si
lava le mani prima di ogni prestazione assistenziale e usa dispositivi, come
mascherina e guanti, quando le condizioni cliniche lo richiedono.


32.  Se il paziente necessita di particolare protezione, è garantito il rispetto di
specifiche norme comportamentali da osservare. I responsabili del reparto assicurano
adeguata informazione per tutto il personale e per gli eventuali visitatori.


33.  Si utilizza materiale monouso nei casi previsti da normative e linee guida e in
applicazione della Nota del Ministero del 1° aprile 2005 se ne garantisce il corretto
utilizzo.


34.  La biancheria sporca segue un percorso diverso rispetto a quella pulita.


35.  Gli infermieri somministrano la terapia e sorvegliano il paziente, monitorando i
parametri vitali come la pressione arteriosa, la frequenza cardiaca e respiratoria, la
temperatura corporea. In casi specifici sono monitorate anche la diuresi e la
saturazione di ossigeno.


36.  Nel caso di rischio di lesioni da decubito gli infermieri adottano il protocollo di
prevenzione, assicurando i presidi antidecubito previsti dallo stesso.


37.  Se il paziente giunge al ricovero con lesioni da decubito, o queste compaiono
durante la degenza, gli infermieri le annotano nella cartella clinica e adottano il
protocollo per il loro trattamento assicurando le medicazioni previste.


38.  É garantito il divieto di fumo per tutti, operatori, pazienti e visitatori.


39.  Qualora il paziente abbia oggetti di valore, il reparto si impegna ad una adeguata
custodia.


40.  Cartelli scritti in più lingue indicano le uscite di sicurezza e le norme di
comportamento da seguire in caso di emergenza.


4
Innovazione
Tutti i cittadini devono poter contare su una struttura che garantisca
l’aggiornamento del personale e l’utilizzo di tecniche innovative per migliorare la
qualità di vita e delle cure.


41.  Tutto il personale del reparto segue iniziative di aggiornamento per mantenere
ed aumentare le abilità professionali ed acquisire quelle richieste dalle nuove
tecnologie.


42.  Per ogni prestazione viene garantita la tecnica o il dispositivo più appropriato secondo gli studi di evidenza scientifica.
Nella struttura si garantisce l’utilizzo delle attrezzature e della strumentazione più aggiornate, nel pieno rispetto del diritto dei cittadini di usufruire delle cure adeguate secondo gli attuali standard di innovazione tecnologica, sia in regime ospedaliero, che in ambito ambulatoriale.


Dimissioni
Ogni cittadino, al momento della dimissione, deve ottenere tutte le informazioni
necessarie ad affrontare al meglio il rientro a casa, secondo modalità che assicurino
una adeguata continuità assistenziale.


43.  E’ garantito l’istituto della continuità assistenziale in accordo con il medico
curante.


44.  All’atto della dimissione il paziente riceve una dettagliata scheda di dimissione
che riporta la diagnosi, la terapia praticata, il decorso, le indicazioni mediche e
infermieristiche e i comportamenti da adottare. La scheda contiene anche i nomi e i
recapiti telefonici degli operatori di riferimento a cui rivolgersi in caso di necessità.


45.  Se il paziente ha necessità di continuare la terapia a domicilio, il medico fornisce
le indicazioni del caso ed esegue gli eventuali adempimenti per la fornitura dei
farmaci da parte della farmacia ospedaliera. Gli infermieri del reparto consegnano
quanto necessario per assicurare la prosecuzione della cura.


46.  All’atto delle dimissioni il paziente riceve il calendario delle visite di controllo
già programmate, con l’indicazione del luogo, i numeri di telefono di riferimento ed
eventuali nomi di responsabili medici ed infermieristici.


47.  Se il paziente dimesso ha necessità particolari o lo richiede, il personale del
reparto si attiva per facilitare il raggiungimento del proprio domicilio.


48.  È presente una cassetta, o comunque un luogo dedicato, che garantisca
l’anonimato, per la raccolta dei suggerimenti e dei reclami.


 

Login

Prima di eseguire il login è necessario accettare l'informativa sui cookie.



© 2008 - 2019 Fadoi Toscana - All Rights Reserved.
..Another Tigicongress creation
Visita www.diretteweb.it, oltre 1500 relazioni mediche GRATUITE!